È la terapia dentale che cura la parodontite, la malattia che provoca perdita di denti negli adulti, causata da cattiva igiene orale e accumulo di placca e tartaro.

parodontologia-img1

Il parodonto è costituito da:

  • gengiva
  • osso alveolare
  • cemento radicolare (tessuto che ricopre la radice)
  • legamento parodontale

La parodontologia si occupa quindi dell’insieme dei tessuti molli (il legamento periodontale e la gengiva) e duri (cemento e tessuto osseo alveolare) che circondano il dente e che assicurano la sua stabilità nell’arcata alveolare (in condizioni di salute).

La parodontologia, si occupa anche delle malattie che interessano il parodonto, queste vengono chiamate genericamente malattie parodontali o parodontopatie, o piorrea (termine storico oggi ancora utilizzato nella popolazione). Esse sono le parodontiti e le gengiviti.

La diagnosi e la prognosi vengono effettuate attraverso una serie di esami clinici, radiologici e strumentali.

La terapia parodontale si attua attraverso tre tipi e fasi d’intervento, che variano al mutare della gravità raggiunta dalla malattia:

  • nella prima fase c’è la rimozione di placca e tartaro (detartasi) e vengono fornite corrette istruzioni d’igiene orale;
  • nella seconda fase si esegue la levigatura delle radici (scaling) e successivamente delle rivalutazioni a distanza dello stato parodontale;
  • da ultima si esegue la chirurgia parodontale, se necessaria, (in anestesia locale) nelle zone dove la malattia non si è arrestata o dove non si è ridotta a sufficienza.


Come fare per non far aggravare e progredire la patologia una volta stabilizzata?

paradontologia

Bisognerà seguire i nostri consigli, le tecniche d’igiene apprese alla poltrona e rispettare i controlli periodici.

Il paziente al termine delle fasi di terapia alla poltrona entra nella “terapia di mantenimento“ dove verrà richiamato periodicamente per controllare e rimuovere gli eventuali accumuli di placca tramite la detartrasi.

Il paziente che soffre di malattia parodontale sarà visto ogni quattro mesi in base alla gravità della malattia.

Ricordiamo che la malattia parodontale è una malattia cronica, silente e recidivante se non attentamente controllata.